Jump to content
tiresia

New York Cheesecake

Recommended Posts

Questa meravigliosa ricetta di Cheesecake è di Réginette, utente storica di Cookaround a cui va il mio ringraziamento!

Due parole sul Cheesecake prima di cominciare (i miei soliti preamboli... stordita.gif): si tratta di un dolce tipico originario della gastronomia degli ebrei del centro e dell'est Europa e importato poi negli Stati Uniti dalla comunità ebraica emigrata a New York.

Originariamente gli ebrei europei lo facevano senza la base (quella che oggi è fatta con i biscotti) ma solo con una corposa crema rassodata a base di formaggio cremoso e leggermente acido, abbondantemente zuccherata e spesso accompagnata a composte di frutta.

Negli USA è stata aggiunta la base biscottata ma si è mantenuta la tradizione della crema acidula, fatta con Philadelphia e sour cream, ovvero la panna acida.

Come sempre, io vi propongo una versione che ritengo quanto più possibile autentica, sempre fermo restando che ognuno può fare le variazioni che preferisce.

Però una cosa la devo dire...non resisto stordita.gif Il cheesecake è un dolce formato per l'80% da Philadelphia, che è l'ingrediente che gli dà il suo sapore tipicissimo e caratteristico. Sostituirlo vuol dire cambiare tutto!

E comunque, anche se il Philadelphia non piace, si può provare comunque a fare questo cheesecake: ho visto coi miei occhi persone che lo detestano e che non lo mangerebbero mai spalmato sul pane, divorarne anche tre fette!!! 38[1].gif

Perché comunque un conto è mangiarsi una fetta di pane e Philadelphia, un conto è mangiarsi una fettazza di cheesecake 24[1].gif 24[1].gif 24[1].gif

L'unica mia "modifica" alla ricetta è nell'esecuzione, perché una volta, per pigrizia, anziché cuocere le masse separatamente in due tempi, come dice Régine, ho fatto un unico impasto e ho cotto tutto insieme in una sola volta.

Non ho sinceramente trovato nessuna differenza: ottimo come sempre, quando lo facevo col procedimento originale, ma più rapido e semplice! 01[1].gif

La ricetta di Régine prevede 3 masse

Massa 1

450 grammi di Philadelphia (cream cheese)

2 uova intere

150 grammi di zucchero

2 cucchiai di succo di limone.

Massa 2

125 grammi di biscotti Digestive Mc Vities

2 cucchiai di zucchero

60 grammi di burro sciolto

Massa 3

1 vasetto (200 gr) di Sour cream (panna acida)

2 cucchiai di zucchero

1 cucchiao di estratto di Vaniglia pura o 2 buste di vaniglina.

Queste dosi sono ideali per una tortiera non troppo grande, 20 (massimo 22) cm di diametro, altrimenti viene troppo bassa e il cheesecake invece deve essere bello alto! 48[1].gif

Massa 2 Frullare finemente i biscotti con lo zucchero. Unire il burro fuso e mescolare.

Versare sul fondo della tortiera e, con l'aiuto di un cucchiaio, compattare bene sul fondo (che avrete precedentemente ricoperto di carta-forno):

user posted image

Mettere in frigorifero per un'ora, affinché la base si compatti bene.

Massa 1+3 Nel frattempo preparare la crema amalgamendo semplicemente tutti gli ingredienti con l'unica accortezza di tirare fuori dal frigo il Philadelphia qualche ora prima, così è più morbido e più lavorabile e si evitano i grumi. Le uova vanno aggiunte una alla volta, non prima che la precedente sia stata perfettamente inglobata nell'impasto.

Passata l'ora di assestamento in frigo, estrarre la tortiera e versarci la crema:

user posted image

Dare un paio di colpi sul tavolo per far assestare bene il composto e infornare (in forno già caldo) a 200 gradi per i primi 10 minuti, quindi abbassare a 150 gradi per altri tre quarti d'ora.

Il cheesecake deve rimanere molto chiaro, quindi va tenuto d'occhio e, se dovesse cominciare a colorare troppo, meglio coprirlo con un foglio di alluminio.

Eccolo appena sfornato (fare attenzione quando lo si toglie dal forno perché la crema è ancora molto molle, quasi liquida - si assesterà poi col riposo in frigo):

user posted image

A questo punto aspettare che si raffreddi completamente a temperatura ambiente. Una volta freddo va trasferito in frigo, dove dovrà rimanere come minimo per una notte (quanto più riposa in frigo, tanto più il cheesecake è buono).

NB - accorgimento importante: può capitare che il cheesecake si crepi in superficie, il che spesso vuol dire che la crema è stata girata con troppo vigore e troppo a lungo, o con un frullino elettrico. Il modo migliore per evitare crepe è girare a mano il composto, il minimo indispensabile per far amalgamare gli ingredienti

Eccolo qui dopo il raffreddamento e il riposo in frigo, guarnito con una coulis di lamponi:

user posted image

user posted image

user posted image

Per quanto riguarda la panna acida, invece, io la trovo nei supermercati Carrefour, Bennet e Esselunga nel reparto latte/yogurt/panna ed è questa, se può esservi d'aiuto:

user posted image

Edited by tiresia

Share this post


Link to post
Share on other sites
mammamia quanto ne mengerei! quando mi capita mi devo trattenere, non resisto a quel saporino formaggioso dolcino brava davvero

Share this post


Link to post
Share on other sites

    mammamia quanto ne mengerei!   quando mi capita mi devo trattenere, non resisto a quel saporino formaggioso dolcino      brava davvero    

A chi lo dici...

Share this post


Link to post
Share on other sites

adesso mojo... o lecco il video... o mojo!!!!!

chetteposssino Tirs!!!!

no comunque....

però un pochetto ti odio affettuosamente....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma non è pozzibile!!!! Stavo giusto cercando di dimenticare un certo languorino che mi invogliava ad aprire il mobile dove tengo i dolcetti e zac apro giusto il post di Tiresia. MACCHECCAVOLO hai cucinato?????Una tripla libidine coi fiocchi

Share this post


Link to post
Share on other sites

dunque,la prima volta che ho mangiato il ceesecake è stato proprio nel nuovo mondo...nel lontano 1992...la zia Franca lo chiamava "a cheik e furmaggio",mi ricordo che comprava la base già pronta e sigillata,e poi faceva un composto con Philadelphia,uova,vaniglia,ricotta e zucchero...e sopra ci spalmava na specie di gelatina ai lamponi.....era buonissimp...anzi,mai mangiato buono come quello.... ....Tirs secondo me la tua versione è la più vicina a quella di zia franca...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sincera sincera stordita.gif ? non sono una fanatica di cheesecake ( Sibs...il cheik della zia Franca...m'ha fatto morire 14[2].gif14[2].gif ), probabilmente perchè non avevo la ricetta e gli accorgimenti giusti (ad es.le pochissime volte che l'ho fatto è decisamente colorito troppo 35.gif )

Voglio proprio provare questa ricetta alla prima occasione 01[1].gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi ha sempre incuriosito questa ricettina di Reginette, ma in casa mia nn piace molto

pero' lo voglio rpovare, ti e' venuto benissimo!!

Mi dici che diametro ha, la teglia che hai usato?? nn mi sembra molto grande, o sbaglio??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi dici che diametro ha, la teglia che hai usato?? nn mi sembra molto grande, o sbaglio??

Tiz, hai visto giusto è piccolina

Come dicevo nella ricetta, queste dosi sono ideali per una tortiera da 20-22 cm di diametro, altrimenti viene troppo bassa e il cheesecake invece deve essere bello alto!

La mia nella fattispecie è da 20, ma una volta con le stesse dosi l'ho fatta in quella da 18 ed è venuta carinissima, una miniatura di cheesecake, ma altissimaaa!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sincera sincera ? non sono una fanatica di cheesecake ( Sibs...il cheik della zia Franca...m'ha fatto morire   ), probabilmente perchè non avevo la ricetta e gli accorgimenti giusti (ad es.le pochissime volte che l'ho fatto è decisamente colorito troppo )

Voglio proprio provare questa ricetta alla prima occasione

Sì, Cils, lo so...il cheesecake può piacere alla follia o lasciare del tutto indifferenti, ma a volte pure disgustati

Insomma, non è uno di quei dolci con cui vai a colpo sicuro perché tanto piace a tutti, tipo il tiramisù o una torta classica farcita di crema.

Però, se ti va di riprovare, questa ricetta di Régine è spettacolare: credimi!

Te lo dice una che ha vissuto a New York, patria del cheesecake, e che si è strafogata decine di volte con quello di Lindsay's, che è considerato il migliore in assoluto: be', questo di Régine non ha nulla da invidiargli!

Share this post


Link to post
Share on other sites

questa la fa spesso una mia amica,e devo dire che fa letteralmente venire l'acquolina in bocca....è buonissima!

Share this post


Link to post
Share on other sites

cercavo giusto una ricetta valida ed attendibilmente più vicina all'originale.

Non homai provato ne a farla ne a mangiarla, mi sa che è lavolta giusta

PAF, io la trovo mooolto vicina a quelle veramente ottime che mangiavo a New York

Quindi te la consiglio assolutamente!

L'unico ingrediente un po' "bastardo" che spesso molti dicono di non riuscire a trovare è la panna acida

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tiz, hai visto giusto è piccolina 

Come dicevo nella ricetta, queste dosi sono ideali per una tortiera da 20-22 cm di diametro, altrimenti viene troppo bassa e il cheesecake invece deve essere bello alto! 

La mia nella fattispecie è da 20, ma una volta con le stesse dosi l'ho fatta in quella da 18 ed è venuta carinissima, una miniatura di cheesecake, ma altissimaaa!!!

grazie Tirs ho giusto una tortierina da 18 che nn ho mai usato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma se è alta alta cuoce bene all'interno o non ha importanza?

Cils, in realtà questo dolce non "cuoce" nel vero senso della parola, perché quando lo togli da forno è ancora mollissimo, praticamente liquido.

Il calore serve solo ad amalgamere gli ingredienti e a cucinare le uova, ma non è quello che fa compattare la crema.

Più che il forno, infatti, il vero assestamento si ha in frigo. Questo passaggio - anche Régine infatti insiste tantissimo - è fondamentale: più sta in frigo, più diventa buono. Si forma cioè quella che in inglese si chiama texture, ovvero la caratteristica consistenza di questo dolce.

Il minimo indispensabile sono 10 ore di frigo, ma si può arrivare tranquillamente al doppio e gli fa solo bene: io una volta lo preparai di venerdì sera per un pranzo di domenica

Share this post


Link to post
Share on other sites

PAF, io la trovo mooolto vicina a quelle veramente ottime che mangiavo a New York

Quindi te la consiglio assolutamente! 

L'unico ingrediente un po' "bastardo" che spesso molti dicono di non riuscire a trovare è la panna acida 

da qualche parte nel web avevo letto la ricetta per farla in casa, mitocca cercarla e sperare di avere fortunaperchè di solito quando cerchi qualcosa che serve non la trovi mai

Share this post


Link to post
Share on other sites

da qualche parte nel web avevo letto la ricetta per farla in casa

Io ai tempi provai per curiosità la ricetta di Marble di Cookaround, ma devo dire che non mi piacque affatto.

Anche perché la panna acida non è così facile da fare, cioè non basta inacidire della panna per ottenere della panna acida.

In realtà, leggendo qua e là in vari siti americani, ho letto che ci sono essenzialmente due modi per farla in casa, una a partire da panna e latticello (buttermilk, che in Italia è altrettanto difficile da trovare, quindi saremmo punto e a capo ) oppure, sempre con panna, ma inacidita con uno starter, ovvero una coltura batterica tipo quella che si usa per fare lo yogurt...

Magari cerco ancora un po' e se trovo qualcosa di più semplice, te lo faccio sapere

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa ricetta la conosco benissimo, già collaudata e rifatta un sacco, onestamente la miglior ricetta di cheesecake che abbia mai provato. Régine è una garanzia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa ricetta la conosco benissimo, già collaudata e rifatta un sacco, onestamente la miglior ricetta di cheesecake che abbia mai provato. Régine è una garanzia. 

perchè non metti anche la tua ricetta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

perchè non metti anche la tua ricetta?  

Ma non ne ho una mia.... Io uso questa di Régine. Anche se.... Aspè, c'è quella della Malesia... fammi scartabellare!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma non ne ho una mia.... Io uso questa di Régine.        Anche se.... Aspè, c'è quella della Malesia... fammi scartabellare!!!

E' uguale uguale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×