Jump to content
lela459

Togliere l'amaro alle olive

Recommended Posts

Salve a tutte/i!!!!!!!

Ho con me un bel sacchetto di olive raccolte stamattina dal mio babbo!!

Stasera le vorrei cucinare...come faccio a togliere l'amaro?

Le scotto in acqua e sale?

Please consigliatemi!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutte/i!!!!!!!

Ho con me un bel sacchetto di olive raccolte stamattina dal mio babbo!!

Stasera le vorrei cucinare...come faccio a togliere l'amaro?

Le scotto in acqua e sale?

Please consigliatemi!!!!!

Che tipo di olive sono?

ancora verdi, scure??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che tipo di olive sono?

ancora verdi, scure??

SONO OLIVE NEREEE!

Ma proprio nere nere!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

SONO OLIVE NEREEE!

Ma proprio nere nere!!!

Io generalmente le olive nere le preparo così:

prendo dei peperoni secchi li faccio soffriggere nell'olio, quando sono gonfi li tolgo e metto le olive nere nell'olio profumato di peperoni, abbasso il gas e le lascio coperte per un po', giusto il tempo di farle cuocere e le salo.

Effettivamente a casa di mia madre si usava un tipo di olive "dolci" (erano comun que sempre un po' amare)

Da quando sono in Toscana ho comprato al mercato un tipo un po' più amarognolo, ma una volte cotte in questo modo sono comunque buone.

Al posto dei peperoni secchi puoi usare queli freschi tipo friggitelli

spero di esserti stata utile

ciao

fammi sapere se le provi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io generalmente le olive nere le preparo così:

prendo dei peperoni secchi li faccio soffriggere nell'olio, quando sono gonfi li tolgo e metto le olive nere nell'olio profumato di peperoni, abbasso il gas e le lascio coperte per un po', giusto il tempo di farle cuocere e le salo.

Effettivamente a casa di mia madre si usava un tipo di olive "dolci" (erano comun que sempre un po' amare)

Da quando sono in Toscana ho comprato al mercato un tipo un po' più amarognolo, ma una volte cotte in questo modo sono comunque buone.

Al posto dei peperoni secchi puoi usare queli freschi tipo friggitelli

spero di esserti stata utile

ciao

fammi sapere se le provi

La proverò di sicuro!!! Grazie!!

Ma di metterle direttamente in padella non se ne parla!!! Sono amarissime e, per me, inmangiabili...

Proverò scottarle con acqua e sale.

Sto cercando in iro e tro vo che per togliere tutto l'amaro basta una soluzione alcalina (soda caustica+acqua) ma è da pazzi!!!! Non credo che la userò mai!!!

Allora mi sto informando su prodotti da cucna latamente alcalini, per vedere se posso sotituirla...vi terrò informate!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non sono un olivologo, ma per me senza una LUUUUUNGA salamoia in acqua.. rimangono amare... toglierlo in una giornata... 12[1].gif

Speriamo qualcuno trovi il rimedio.. googlizziamo un po'..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io generalmente le olive nere le preparo così:

prendo dei peperoni secchi li faccio soffriggere nell'olio, quando sono gonfi li tolgo e metto le olive nere nell'olio profumato di peperoni, abbasso il gas e le lascio coperte per un po', giusto il tempo di farle cuocere e le salo.

Effettivamente a casa di mia madre si usava un tipo di olive "dolci" (erano comun que sempre un po' amare)

Da quando sono in Toscana ho comprato al mercato un tipo un po' più amarognolo, ma una volte cotte in questo modo sono comunque buone.

Al posto dei peperoni secchi puoi usare queli freschi tipo friggitelli

spero di esserti stata utile

ciao

fammi sapere se le provi

tu parli di queste

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lela, per togliere l'amaro dalle olive non puoi farlo in una giornata. Ci vogliono settimane. Io lo so perchè mia suocera faceva proprio queste nere, mia nonna pure. Vanno messe a bagno in acqua e sale per tanti giorni, devi cambiare l'acqua ogni due/tre giorni mi pare... Perchè diventa amarissima. Poi via via che spurgano l'amaro le assaggi, quando mangiandole ti piacciono allora le togli dall'acqua e le cucini. Sia mia suocera che mia nonna le cuocevano al forno, con la scorza d'arancia, facendole appassire piano piano nel forno appena caldo.

Ora, i dettagli specifici su quanta acqua e quanto sale purtroppo non li so.... Però se vuoi domani chiamo mia suocera e mi informo bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La proverò di sicuro!!! Grazie!!

Ma di metterle direttamente in padella non se ne parla!!!    Sono amarissime e, per me, inmangiabili...

Proverò scottarle con acqua e sale.

Sto cercando in iro e tro vo che per togliere tutto l'amaro basta una soluzione alcalina (soda caustica+acqua) ma è da pazzi!!!! Non credo che la userò mai!!!

Allora mi sto informando su prodotti da cucna latamente alcalini, per vedere se posso sotituirla...vi terrò informate!!! 

no non è da pazzi, la soda caustica si usa per le olive verdi o nere da conservare in salamoia. Mia madre le fa ogni anno. Se ti interessa il procedimento posso chiederlo a lei.

In passato usavano la cenere ma serviva più tempo per togliere l'amaro e renderle mangiabili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, proprio queste. Da me si usano i peperoni secchi. Ma così sono ugualmente buone. Con l'unica differenza che non uso l'aglio, ma è da provare!

anch'io metto i peperoni secchi, ho dimenticato di scriverlo ma se guardi bene le foto si vedono

Share this post


Link to post
Share on other sites

La proverò di sicuro!!! Grazie!!

Ma di metterle direttamente in padella non se ne parla!!!    Sono amarissime e, per me, inmangiabili...

Proverò scottarle con acqua e sale.

Sto cercando in iro e tro vo che per togliere tutto l'amaro basta una soluzione alcalina (soda caustica+acqua) ma è da pazzi!!!! Non credo che la userò mai!!!

Allora mi sto informando su prodotti da cucna latamente alcalini, per vedere se posso sotituirla...vi terrò informate!!! 

ma con la soda caustica ti rimane solo il nocciolo sicura che non era bicarbonato di soda?

Share this post


Link to post
Share on other sites

no non è da pazzi, la soda caustica si usa per le olive verdi o nere da conservare in salamoia. Mia madre le fa ogni anno. Se ti interessa il procedimento posso chiederlo a lei.

In passato usavano la cenere ma serviva più tempo per togliere l'amaro e renderle mangiabili.

Si, anche qua da me si usa, ma io proprio nn riesco a fidarmi...

Invece mi interessa molto la versione con la cenere, hai ancora le dosi?

Sarei davvero curiosa di provarla!!!

LEla

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, anche qua da me si usa, ma io proprio nn riesco a fidarmi...

Invece mi interessa molto la versione con la cenere, hai ancora le dosi?

Sarei davvero curiosa di provarla!!!

LEla

ho trovato questi due siti

qui mostrano tanti modi, tra cui quello con la cenere.. ma si deve aggiungere anche calce viva 38[1].gif

e in questo

trovi altri sistemi, oltre alla cenere (sempre con calce).. ma mi sa che in ogni caso devi attendere un po'... 35.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

calce viva

mia madre conservava le uova sotto calce, quando le galline erano allevate nei pollai veri e in inverno non facevano le uova!

Share this post


Link to post
Share on other sites

io mi ricordo che da bambina miei nonni avevano delle brocche enormi di terracotta dove mettavano le olive e certe e vero venivano fatte con la soda certe col finocchietto selvatico altre con l'acqua e mi ricordo che c'era un gran lavoro da fare ..ma non mi ricordo piu nulla pero che ricordi

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma con la soda caustica ti rimane solo il nocciolo  sicura che non era bicarbonato di soda? 

no, è proprio la soda caustica....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Lela purtroppo solo adesso ho letto del tuo problema delle olive io li faccio in questo modo:

1) mettere le olive in un recipiente coperte di acqua fresca.

2) cambiare l'acqua ogni due giorni per una settimana.

3) Bollire una quantità di acqua per le olive che devi invasare con finochietto, alloro, un limone tagliato a metà, lasciarla bollire per una decina di minuti e lasciarla raffreddare bene.

4) lava bene dei vasetti o contenitori in vetro e dopo aver lavato un pò le olive li metti nei vasetti e poi ci metti l'acqua che hai fatto raffreddare sopra ci metti un goccio di olio li chiudi bene e dopo una decina di giorni puoi cominciare a mangiarli ma si conservano bene per molto tempo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nell libro"Sotto vetro" ho trovato queste due ricette, la seconda è "contadinesca", nel senso che prevede spazio a disposizione, cosa rara nelle nostre case

In mancanza del sole, penso che si possano mettere in forno ad asciugare!

Metodo n°1

Si lavano le olive nere con abbontante aceto, si fanno scolare, e si mettono in un recipiente alternandole con strati di salegrosso e aggiungendo qualche foglia di alloro, spicchi di aglio e qualche peperoncino rosso piccante Si lasciano così 10 giorni e ogni giorno vanno mescolate delicatamente nell'acqua che avranno mandato fuori. Si fanno scolare, si mettono al sole e vi si lasciano finchè saranno asciutte. Si mettono allora nei vasi alternandole a semi di finocchio selvatico e si conservano senza mai chiudere il vaso

Metrodo n°2

Si copre ilf ondo di una cesta con una tela, quindi si mettono le olive spolverizzate di abbondante sale grosso e sopra si mette un peso che le pressi bene. Si appende la cesta in un luogo arieggiato e l'acqua che manderanno fuori uscirà spontaneamente dal cesto, lasciando leolive sempre asciutte. Dopo 8 giorni si tolgono, si stendono al sole e, una volta completamente asciugate, si ripongono nei vasi alternandolecon semi di anice, peperoncino roso, aglio, prezzemolo e si conservano senza aggiungere liquidi e tenendo il vaso semprea perto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lela scusami se ti rispondo tardi, ma avevo bisogno di parlarne con mia madre e ....allora lei usava solo cenere e acqua.

Per ogni chilo di olive nere un kg di cenere, metteva a bollire dell'acqua che versava nella cenere, quando l'acqua diventava fredda immergeva le olive che devono restare coperte con la cenere. Vanno controllate giorno per giorno per capire quando diventano dolci. Quando sono pronte bisogna sciacquarle e tenerle in acqua fresca da canbiarle ogni giorno fino a quando il sapore di cenere scompare. Mettere, infine, le olive in salamoia.

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×