Jump to content
dulcinea50

L'ANNO NERO DELL'OLIO ITALIANO

Recommended Posts

ebbene si ....quest'anno la campagna olearia è stata disastrosa.....tanti oli vergini e lampanti, pochi extravergini e di qualità non eccellente rispetto a quelli della scorsa annata.

Purtroppo i fattori che hanno portato a questo disastro sono stati diversi, e non tutti incontrollabili.....il grande problema di gran parte degli olivicoltori italiani è che si ricordano di essere tali ad agosto/settembre.....quando è ormai troppo tardi per interventi agronomici adeguati.

Poi sicuramente il clima sta cambiando e questo non aiuta....., inoltre il mercato vuole solo extravergini, nonostante il legislatore permetta anche la commercializzazione dei vergini (pro e contro dell'iperesaltazione dei prodotti di alta qualità).

La scorsa settimana il mercato degli oli pugliesi (che detta i prezzi all'ingrosso in italia) era salito a euro 6/kg di extravergine (ed ho saputo che mercoledì era addirittura schizzato a 7 euro/Kg), mentre lo scorso anno si parlava di 3.40.....

Insomma il quadro è molto complesso e non incoraggiante, ci sono produttori che hanno deciso di non raccogliere e frantoi che non hanno aperto.

Sto studiando e non ho avuto il tempo di leggere l'intero articolo, mi riprometto di farlo appena possibile.

Una cosa è certa per me: i disonesti rimarrano tali e gli onesti pure.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Pomina Infatti ad un certo punto un intervistato lo dice: avevamo avvisato, qualcosa si poteva fare, ma non ci hanno dato retta

A questo punto la speranza è di non incappare in un disonesto che ha franto olive e mosca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Pomina   Infatti ad un certo punto un intervistato lo dice: avevamo avvisato, qualcosa si poteva fare, ma non ci hanno dato retta

A questo punto la speranza è di non incappare in un disonesto che ha franto olive e mosca  

Dulci il problema non è aver franto olive e vermi (cosa inevitabile e che non costituisce frode ma determina solo l'ottenimento di un olio difettato e molto probabilmente di acidità superiore a quanto stabilito per gli extravergini)....il disonesto sarà chi metterà in atto frodi, basate su origini o campagna olearia diverse da quelle dichiarate in etichetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e che compriamo quest'anno? 12[1].gif

la risposta mi preme più per mia madre che è una malata dell'olio extra-vergine col bollino e bla bla bla che per me che ne faccio un uso pari a zero 65[1].gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

e che compriamo quest'anno? 

la risposta mi preme più per mia madre che è una malata dell'olio extra-vergine col bollino e bla bla bla che per me che ne faccio un uso pari a zero 

La verdura con cosa la condisci? una bella fetta di pane e olio, o una bruschetta non te le fai mai?

Leggi l'etichetta, incrocia le dita e spera che non sia truffaldina a meno che tu non conisca un produttore da cui comprare direttamente l'olio

Share this post


Link to post
Share on other sites

La verdura con cosa la condisci? 12[1].gif una bella fetta di pane e olio, o una bruschetta non te le fai mai? certocerto.gif

Leggi l'etichetta, incrocia le dita e spera che non sia truffaldina 38[1].gif  38[1].gif a meno che tu non conisca un produttore da cui comprare direttamente l'olio 35.gif

...la cosa sarebbe già miracolosa!!

io sto chiedendo per mari e per monti ma niente,zero!!!chi è riuscito a raccogliere qualcosa nn vende l'olio inpalta.gif se lo tiene sperando sia sufficiente alla propria famiglia certocerto.gif

qui si è scatenata la caccia all'olio cry.gif vivendo in posti dove,per fortuna,di solito ne abbiamo di eccellenti ed in quantità,adesso che nn se ne vede nemmeno un litro 38[1].gif tutti si riversano nei super in cerca di offerte 72[1].gif oggi e solo per oggi,olio evo a 2,89€ al litro.... certocerto.gif certocerto.gif certocerto.gif mo che ve possono da a sti soldi??? icon_arrow.gif

io l'olio del super nn riesco a comprarlo,nn sono più abiutata cry.gif sarò costretta a sborsare tanticchia di soldini e comprare olio di una azienda agrituristica dell'alta sabina...olio nn dop ma almeno nn è taroccato(si spera!!!)

inpalta.gif inpalta.gif inpalta.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Sicilia hanno avuto meno danni, quindi più olio. I nostri parenti per fortuna ne hanno fatto un po' quello che manca si porterà dalla Spagna

Io una volta avevo trovato un olio fatto di una mescolanza di olii del bacino mediterraneo, era buonissimo: sparito dalla vendita

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poichè è poco i prezzi da produttore (frantoiano o olivicoltore) al consumatore sono alti, in campania si arriva a euro 10/litro, in sicilia zona trapanese euro 9/Litro.

Paola ha ragione, conviene andare da produttori di fiducia che dicano sinceramente se l'olio è nuovo o è dell'anno scorso (non ci sarebbe niente di male, ma vi dovrebbero fare un prezzo molto più basso per quest'ultimo e inoltre non dovrebbe essere difettato, rancido....).

La mia famiglia lo comprerà da un amico di mio padre che ce lo vende ogni anno, non è il tipo di olio che piace a me (amaro giusto, bel piccante e fruttato intenso), sempre piuttosto delicato per la tipologia di olive e l'epoca di raccolta, ma un olio di tutto rispetto. Non so ancora a che prezzo ce lo farà quest'anno e non so nemmeno come è venuto.

Dol solitamente tu da chi lo compri?

Dulci qual'era la miscela di oli di cui parli? Ti ricordi il nome o la bottiglia?

In Spagna dove lo prendete?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dulci e pom: io uso l'olio di soja Valsoja ormai da anni; giusto un po' di olio extra vergine per il sugo.

l'olio extra vergine lo compro al super; deve avere un bollino che se manca mia madre mi fa la pelle (da quando ha visto Report) e non costa mai meno di 10 euro a bottiglia. 01[1].gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

dulci e pom: io uso l'olio di soja Valsoja ormai da anni; giusto un po' di olio extra vergine per il sugo.

l'olio extra vergine lo compro al super; deve avere un bollino che se manca mia madre mi fa la pelle (da quando ha visto Report) e non costa mai meno di 10 euro a bottiglia. 

Che bollino?

Dop? Igp?

Dol penso che continuerai comunque a trovarlo, magari fai caso ad aumenti di prezzo e, se si tratta di Dop o Igp, vedi qual'è l'anno di produzione indicato in etichetta (necessairio da indicare per i Dop/Igp).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poichè è poco i prezzi da produttore (frantoiano o olivicoltore) al consumatore sono alti, in campania si arriva a euro 10/litro, in sicilia zona trapanese euro 9/Litro.

Paola ha ragione, conviene andare da produttori di fiducia che dicano sinceramente se l'olio è nuovo o è dell'anno scorso (non ci sarebbe niente di male, ma vi dovrebbero fare un prezzo molto più basso per quest'ultimo e inoltre non dovrebbe essere difettato, rancido....).

La mia famiglia lo comprerà da un amico di mio padre che ce lo vende ogni anno, non è il tipo di olio che piace a me (amaro giusto, bel piccante e fruttato intenso), sempre piuttosto delicato per la tipologia di olive e l'epoca di raccolta, ma un olio di tutto rispetto. Non so ancora a che prezzo ce lo farà quest'anno e non so nemmeno come è venuto.

Dol solitamente tu da chi lo compri?

Dulci qual'era la miscela di oli di cui parli? Ti ricordi il nome o la bottiglia?

In Spagna dove lo prendete?

E' lì il problema

Non me lo ricordo, l'ho comprato tanti anni fa per caso in un supermercato e poi non l'ho più trovato, a noi piacque.

In Spagna nei supermercati; loro indicano il grado di acidità, non so se anche in Italia viene indicato

A me non piace l'olio piccante, non mi piace il piccante in generale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che bollino?

Dop? Igp?

Dol penso che continuerai comunque a trovarlo, magari fai caso ad aumenti di prezzo e, se si tratta di Dop o Igp, vedi qual'è l'anno di produzione indicato in etichetta (necessairio da indicare per i Dop/Igp).

Te ne si sicuramente di più, ho sentito che l'etichettatura dell'olio di oliva lascia molto a desiderare, non è indicata la zona di produzione se non sbaglio, ma ora cambiano, è vero? e per il passato resta tutto com'è?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dulci e pom: io uso l'olio di soja Valsoja ormai da anni; giusto un po' di olio extra vergine per il sugo.

l'olio extra vergine lo compro al super; deve avere un bollino che se manca mia madre mi fa la pelle (da quando ha visto Report) e non costa mai meno di 10 euro a bottiglia. 

Perché non usi l'olio di oliva? da noi (Italia) è buonissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' lì il problema  

Non me lo ricordo, l'ho comprato tanti anni fa per caso in un supermercato e poi non l'ho più trovato, a noi piacque.

In Spagna nei supermercati; loro indicano il grado di acidità, non so se anche in Italia viene indicato

A me non piace l'olio piccante, non mi piace il piccante in generale 

L'indicazione dell'acidità in etichetta è facoltativa, ma comunque, per legge, l'extravergine deve avere acidità inferiore allo 0,8%.

Te ne si sicuramente di più, ho sentito che l'etichettatura dell'olio di oliva lascia molto a desiderare, non è indicata la zona di produzione se non sbaglio, ma ora cambiano, è vero? e per il passato resta tutto com'è?

No, già da diversi anni è obbligatoria l'indicazione dell'origine dell'olio vergine ed extravergine di oliva in etichetta....poi da dicembre entrerà in vigore il nuovo regolamento europeo sull'etichettatura che renderà obbligatoria l'indicazione dell'origine per alcuni tipi di carne ed in generale quando l'omissione dell'indicazione dell'origine può trarre in inganno il consumatore (vedi "italian soundig" ecc...).

Sulle etichette dell'olio trovi sempre l'origine (es. 100% italiano, miscela di oli comunitari, miscela di oli comunitari e non comunitari...")

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pom, l'olio che ho ora recita: Olio extra vergine d'oliva Toscano IGP.

la bottiglia da 0,75 m'è costata circa 10 euro.

il bollino è blu; talvolta i bollini sono rossi.

il sito è terreditalia.com

@dulci: ho adottato l'olio di soja quando ho avuto anni fa l'intolleranza alle olive e mi sono trovata bene perchè...non sa di niente!

io non riesco a mandarlo giù l'olio extra-vergine, non fa per me 01[1].gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pom, l'olio che ho ora recita: Olio extra vergine d'oliva Toscano IGP.

la bottiglia da 0,75 m'è costata circa 10 euro.

il bollino è blu; talvolta i bollini sono rossi.

il sito è terreditalia.com

@dulci: ho adottato l'olio di soja quando ho avuto anni fa l'intolleranza alle olive e mi sono trovata bene perchè...non sa di niente!

io non riesco a mandarlo giù l'olio extra-vergine, non fa per me 

Ho capito il bollino blu é relativo al marchio IGP, il rosso al DOP che sono marchi che garantiscono l'origine del prodotto in quanto per la sua produzione si segue un disciplinare di produzione.

Con quel bollino non solo il prodotto è italiano ma viene da una specifica zona geografica del paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

può essere che l'annata di produzione sia dove dice: CAMP 2013/2014?

a parte la scadenza non trovo altre date 

Si dol è quella..."campagna 2013-2014"

Speriamo che i prezzi non aumentino tantissimo...per ora c'è ancora prodotto dell'anno scorso, solitamente la nuova campagna si inizia ad imbottigliare all'anno nuovo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'indicazione dell'acidità in etichetta è facoltativa, ma comunque, per legge, l'extravergine deve avere acidità inferiore allo 0,8%.

No, già da diversi anni è obbligatoria l'indicazione dell'origine dell'olio vergine ed extravergine di oliva in etichetta....poi da dicembre entrerà in vigore il nuovo regolamento europeo sull'etichettatura che renderà obbligatoria l'indicazione dell'origine per alcuni tipi di carne ed in generale quando l'omissione dell'indicazione dell'origine può trarre in inganno il consumatore (vedi "italian soundig" ecc...).

Sulle etichette dell'olio trovi sempre l'origine (es. 100% italiano, miscela di oli comunitari, miscela di oli comunitari e non comunitari...")

Ho capito il bollino blu é relativo al marchio IGP, il rosso al DOP che sono marchi che garantiscono l'origine del prodotto in quanto per la sua produzione si segue un disciplinare di produzione.

Con quel bollino non solo il prodotto è italiano ma viene da una specifica zona geografica del paese.

Origine Italia non significa niente, dovrebbero mettere la zona precisa; l'olio toscano per esempio cambia sapore in pochi chilometri

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pom, l'olio che ho ora recita: Olio extra vergine d'oliva Toscano IGP.

la bottiglia da 0,75 m'è costata circa 10 euro.

il bollino è blu; talvolta i bollini sono rossi.

il sito è terreditalia.com

@dulci: ho adottato l'olio di soja quando ho avuto anni fa l'intolleranza alle olive e mi sono trovata bene perchè...non sa di niente!

io non riesco a mandarlo giù l'olio extra-vergine, non fa per me 

Dovresti assaggiare l'olio dell'Amiata: quando ho cominciato ad usarlo, ne mettevo a fiumane, non sapeva di niente in confronto a quello a cui ero abituata, mi pareva acqua ora lo trovo buonissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi pare che come la giriamo la giriamo toccherà pagare un mucchio di quattrini sperando senza certezza di avere un po' di qualità in più rolleyes.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Origine Italia non significa niente, dovrebbero mettere la zona precisa; l'olio toscano per esempio cambia sapore in pochi chilometri

per le zone precise ci sono i marchi dop, , origine Italia ti fa capire che quel prodotto è stato ottenuto seguendo le norme comunitarie e nazionali (che talvolta sono più stringenti di quelle europee).

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi pare che come la giriamo la giriamo toccherà pagare un mucchio di quattrini sperando senza certezza di avere un po' di qualità in più

Gli oli sono supercontrollati, tutti gli organi ispettivi (NAS, repressione frodi, guardia forestale...) fanno continuamente campionamenti nei supermercati per controllare i prodotti.....bisogna fidarsi dell'etichetta e del proprio gusto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

per le zone precise ci sono i marchi dop, , origine Italia ti fa capire che quel prodotto è stato ottenuto seguendo le norme comunitarie e nazionali (che talvolta sono più stringenti di quelle europee).

Come per il vino? truffe a parte un Chianti Gallo Nero viene prodotto in una zona ben precisa, lo stesso vale per il Brunello e per il Sassicaia, tanto per fare qualche esempio: tutti vini toscani ma diversi fra di loro , dire vino toscano non significa niente il più delle volte proviene da cantine sociali che mescolano vini di varia provenienza

A noi è successo con l'olio: comprato direttamente in un frantoio del Montalbano, ad essere generosi ce n'era un po' della zona come il pecorino di Pienza: le malelingue dicono che non c'è un gregge in giro, in compenso girano cisterne cariche di katte provenienti dalla Sardegno e dalla Spagna saranno solo malelingue? Io pecore non ne ho viste.....forse ero distratta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×