Jump to content
tiresia

Preparato per pancake casalingo

Recommended Posts

Ovvero:

Homemade Instant Pancakes Mix (direttamente da Nigella Express)

E' un modo comodo per avere sempre a disposizione un preparato casalingo con cui in 2 minuti si prepara un ottimo impasto per i pancake della domenica mattina! Metteteci un altro minuto di cottura, et voilà: pancake per tutti!

Per il preparato

600 g di farina bianca

3 cucchiai di lievito per dolci*

2 cucchiaini di bicarbonato*

1 cucchiaino di sale

40 g di caster sugar** (o zucchero aromatizzato alla vaniglia)

Basta solo mescolare gli ingredienti e riporli in un barattolo chiuso, avendo l'accortezza di tenerlo in un posto non esposto a troppa luce.

Per l'impasto

per ogni uovo, calcolare

150 grammi di preparato

250 ml di latte

1 cucchiaio di burro fuso

Sarà sufficiente mescolare gli ingredienti (ovvero il preparato + le componenti liquide) fino ad ottenere una pastella omogenea.

In una padella bassa e capiente (o una piastra, o un testo) sciogliere una noce di burro (io distribuisco il burro fuso su tutta la superficie della padella con uno scottex, così ne rimane solo un velo e l'eccesso rimane sulla carta) e quando è bollente versare l'impasto a cucchiaiate, che tenderanno ad allargarsi creando naturalmente dei cerchi. Non appena vedete comparire tante bollicine sulla superficie, vuol dire che i pancake sono pronti per essere girati (aiutandosi con una spatola), questione di 30, massimo 60 secondi, dipende da quanto sono grossi. Altri 30 secondi dall'altro lato e i pancake sono pronti.

Si servono classicamente impilati (a seconda della grandezza, dai 3 ai 5, suppergiù), irrorati con sciroppo d'acero o con quello che più vi piace e spalmati tra uno strato e l'altro con un velo di burro.

Ma i modi per gustarli possono essere i più svariati, basta solo seguire il proprio gusto e l'estro del momento.

* Per cucchiai e cucchiaini si intendono le unità di misura americane, che hanno capienza diversa rispetto alle normali posate da cucina. Per il bicarbonato, se usate un cucchiaino "normale", calcolatene uno raso (cioè NON colmo).

**Il caster sugar è un tipo di zucchero più fine del comune zucchero semolato (ma non è zucchero a velo); da noi ci sono diverse marche in commercio, è denominato zucchero extra-fine.

Ecco qui quelli che ci siamo strafogati questo fine settimana, con sciroppo d'acero autentico made in Canada.

user posted image

Edited by tiresia

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS: il mix è comodissimo perché ha scadenza mooolto lunga e può anche essere - a patto di metterlo in un barattolo carino con una bella etichetta e qualche infiocchettamento - un'idea per fare qualche regalino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

effettivamente molto utile... 51[1].gif

lo prenderò in considerazione tra qualche kilo in meno... inpalta.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tirs, per te con quel preparato si possono fare anche i waffle? non ho ancora trovato una ricetta che mi soddisfi...

Credo che con questo impasto venga bene il tipo di waffle "Brussels", cioè quelli più cicciosi e soffici, con la crosticina fuori e l'interno morbido. Mentre penso che non sia adatto se ti piacciono i waffle tipo "Liège", cioè quelli che rimangono più sottili e croccanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che con questo impasto venga bene il tipo di waffle "Brussels", cioè quelli più cicciosi e soffici, con la crosticina fuori e l'interno morbido. Mentre penso che non sia adatto se ti piacciono i waffle tipo "Liège", cioè quelli che rimangono più sottili e croccanti.

mi piacciono quelli morbidi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi piacciono quelli morbidi...

Allora prova, mal che vada sarà l'ennesima ricetta che non ti avrà soddisfatta...

Be', ecco, magari non usare 600 grammi di farina

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora prova, mal che vada sarà l'ennesima ricetta che non ti avrà soddisfatta...

Be', ecco, magari non usare 600 grammi di farina 

beh in effetti ci ero arrivata!! proverò appena posso e testimonierò con fotografia!

Share this post


Link to post
Share on other sites

che carina l' idea del regalo magari con un bigliettino che accompagna le istruzioni complete se me lo ricordo faccio il regalo alle mie cognatine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo confesso, non ho mai assaggiato un pancake o forse non ricordo

ma adesso sono curiosissima e voglio provare a farli con questo preparato

Carina l'idea regalo

Share this post


Link to post
Share on other sites

io credo di averli mangiati , in ferie di sicuro 12[1].gif ma non li ho mai preparati .. quindi proverò con la tua ricetta 70[1].gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me nn son piaciuti i pancake!li preparava mia cugina canadese per colazione quando è venuta in italia...preferisco qualcosa di più pannoso

la suddetta cugina poi si è convertita al maritozzo

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me nn son piaciuti i pancake!li preparava mia cugina canadese per colazione quando è venuta in italia...preferisco qualcosa di più pannoso

la suddetta cugina poi si è convertita al maritozzo

Lo credo bene nemmeno a me sono piaciuti, però l'idea del regalo con annesse istruzioni mi piace

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo credo bene nemmeno a me sono piaciuti, però l'idea del regalo con annesse istruzioni mi piace

l'idea è carina si!!!qualche anno fa mi è arrivato un barattolo per fare i biscotti,bastava aggiungere gli ingredienti freschi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me nn son piaciuti i pancake!li preparava mia cugina canadese

E si vede che non era capace!!!

In Canada, si sa, sanno fare bene lo sciroppo d'acero, ma sui pancakes sono scarsini!

Dai, dagli un'altra chance...con una colata di cioccolato e pure un ciuffetto di panna montata sopra, sono da urlo!!!

No, scherzi a parte, io ne vado pazza, ma essendo una cosa un po' lontana dai gusti e dalle abitudini tipicamente italiane sulla colazione, attenzione agli eventuali destinatari del regalo: si rischia il flop!

Share this post


Link to post
Share on other sites

E si vede che non era capace!!!     

In Canada, si sa, sanno fare bene lo sciroppo d'acero, ma sui pancakes sono scarsini!     

Dai, dagli un'altra chance...con una colata di cioccolato e pure un ciuffetto di panna montata sopra, sono da urlo!!!

No, scherzi a parte, io ne vado pazza, ma essendo una cosa un po' lontana dai gusti e dalle abitudini tipicamente italiane sulla colazione, attenzione agli eventuali destinatari del regalo: si rischia il flop! 

Anzi, è un regalo esotico male che vada, lo riciclano per un altro dolce

Bisognerebbe metterci insieme lo sciroppo di acero, per fare una cosa completa

Edited by dulcinea50

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per prima cosa... ciao a tutte e tutti

Ho provato il preparato perchè volevo fare dei regalino di Natale culinari e mi piaceva mettercelo! Ho già la mia ricetta di fiducia ma ho voluto sperimentare

Allora...non mi è piaciuto molto, ma è ovvio che son gusti! Però vi riporto la mia esperienza e chiedo lumi a Tirs!!

Per prima cosa trovo che l'impasto venga molto denso tanto da non riuscire a formare le fantastiche bolle del pancake!

Penso che la presenza dei buchi sia fondamentale, perché quando ci metti sopra lo sciroppo d'acero o il miele o che altro entra nei buchini e rende il pancake più morbido e meno spugnoso. Senza buchi rimane tanto spugnoso e non mi fa impazzire.

Ho risolto aggiungendo, per 1 uovo, 20ml di liquido a quello già consigliato: tante bolle, tanti buchi!!

Poi...il bicarbonato! E' vero che fa lievitare, ma lascia un retrogusto terribile...di salato, non so come spiegarlo diversamente. L'ho fatto assaggiare anche al mio lui e mi ha subito fatto notare questo aspetto, dicendomi che come li faccio di solito non hanno questo gusto amaro/salato.

Nella ricetta che faccio di solito non metto il bicarbonato ed inserisco solo il lievito, le bolle vengono belle e tante comunque Quindi mi sorge il dubbio...a cosa serve mettercelo?

Appena ci capirò qualcosa riprovo

Share this post


Link to post
Share on other sites

il bicardonato si è sempre usato per far lievitare i dolci...anche quando il lievito chimico nn era di uso comune.

Si usava anche l'ammoniaca e il cremor tartaro io li uso per alcuni tipi di biscotti

secondo me 2 cucchiaini sono troppi poi dipende anche dalla dimenzione del cucchiaino io ne ho tre tipi uno da caffè piccolo...uno medio e uno grande...in quello grande ci vanno 2 cucchiani di quello piccolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Cip, vediamo se riesco a rispondere alle tue perplessità.

Ovviamente va premesso che i gusti sono gusti e non necessariamente hai "sbagliato" qualcosa tu o c'è qualcosa di "sbagliato" nella ricetta, semplicemente non è di tuo gradimento. Capita... 39[1].gif

trovo che l'impasto venga molto denso tanto da non riuscire a formare le fantastiche bolle del pancake!

L'impasto dei pancake è denso di solito. Quelli che ho sempre mangiato e visto fare negli Stati Uniti, partivano da impasti abbastanza "thick", come si dice in inglese, cioè densi e non fluidi.

Quanto alla presenza di bolle/buchi, non capisco perché la metti in relazione alla densità dell'impasto: le bolle dipendono dalla presenza di aria inglobata e l'aria si crea per l'azione chimica del lievito, sia negli impasti densi che in quelli più liquidi. Infatti posso assicurarti che nei miei i buchi si formano immediatamente, appena verso il composto sulla piastra rovente (importantissimo che il recipiente in cui si cuociono sia bollentissimo, spiego più avanti il perché).

QUOTE
Senza buchi rimane tanto spugnoso e non mi fa impazzire.

Questo sinceramente non lo capisco: i buchi rendono la trama del pancake spugnogo, quindi come fa ad essere spugnoso un pancake dove dici che non si sono formati buchi? 12[1].gif 12[1].gif 12[1].gif

QUOTE
Ho risolto aggiungendo, per 1 uovo, 20ml di liquido a quello già consigliato: tante bolle, tanti buchi!!  62[1].gif

Brava, l'importante è risolvere brillantemente le situazioni e tu l'hai fatto. Probabilmente la tua farina assorbiva di più di quella che uso solitamente io, o il tuo uovo era più piccolo della media. Insomma, 20 ml di liquido sono proprio un'inezia, non un'aggiunta enorme, quindi tendo a pensare che non sia una vera e propria "correzione" di una ricetta "sballata", ma piuttosto un aggiustamento alle dosi dovuto alle caratteristiche specifiche degli ingredienti usati. Saprai benissimo anche tu che non tutte le uova sono uguali e così pure le farine.

QUOTE
Poi...il bicarbonato!

Qui invece è colpa mia, lo riconosco (e me ne scuso).

QUOTE
lascia un retrogusto terribile...

Lascia un retrogusto sgradevole se se ne mette troppo e se hai usato due cucchiaini "veri", cioè quelli che usi tutti i giorni per girare il caffè, be'... ne hai messo troppo! stordita.gif

Mi dispiace, sono veramente una cretina, non ho specificato che le dosi in cucchiai/ni sono in misure americane, e un "cucchiaino americano" è decisamente meno di un cucchiaino italiano stordita.gif Direi che occhio e croce è circa la metà.

Sono stata una scema a non specificarlo, ma io ormai vado in automatico con le misure americane: avendo il set di misuratori americani (cups e cucchiai/ni), non mi pongo il problema.

Scusa ancora: hai praticamente usato il doppio del bicarbonato necessario! sorry.gif

QUOTE
a cosa serve mettercelo?

Allora, il bicarbonato è un coadiuvante della lievitazione, ma NON sostituisce il lievito. Semplicemente, aiuta il processo di lievitazione. Il motivo è una banalissima reazione chimica. Visto che la lievitazione dipende dall'anidride carbonica, più se ne sprigiona, più gli impasti lievitano.

Il bicarbonato, quando viene a contatto con un ingrediente acido (essendo basico, reagisce con l'acido, infatti spesso si abbina a succo di limone, yogurt o aceto) oppure quando è sottoposto ad alte temperature (il forno, la padella rovente, etc... - ecco perché dicevo che questo dettaglio è molto importante), si decompone e libera anidride carbonica, la quale, come dicevamo, fa lievitare l'impasto.

Spero di aver chiarito qualche dubbio. Ma, ripeto, rimane il fatto che se una cosa non piace, non piace, anche se si esegue alla perfezione la ricetta. 39[1].gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per la risposta ben dettagliata Tiresia!!

Se rileggi quel che ho scritto, noterai che la prima cosa che ho detto è proprio che ciascuno ha i propri gusti!

Tuttavia faccio spesso i pancake e volevo capire cosa questa volta non aveva funzionato!

Allora...

a) Bicarbonato: perfetto! Basta ridurrne la quantità! Proverò a rifare mettendo solo 1 cucchiaino "italiano"

b) Impasto denso: non so come mai, ho fatto l'impasto come hai indicato e mi è venuto bello corposo. Messo su piastra caldissima ma niente. Faceva le bolle, ma una volta esplose si richiudevano, con il risultato che alla fine non sono rimasti buchini. Quando poi lo abbiamo addentato era spugnoso dentro, ma la superficie bella compatta tanto che non ha assorbito neanche quello che ci abbiamo messo sopra. Ho allungato leggermente l'impasto (2 cucchiai scarsi di latte, quindi l'impasto non è liquido) e i buchi rimanevano. Non so come mai

c) I buchi. Il pancake è di per se spugnoso, ma se c'è il buco il miele ad esempio ci entra e quando lo mordi è una goduria! Se non ci sono i buchi naturalmente questa cosa non può avvenire...io preferisco il primo caso

I gusti son gusti, ciascuno ha i propri, son d'accordo e lo ribadisco! Ma i pancake mi piacciono troppo...non mi spiegavo come mai con questa ricetta no

Ma ora riprovo riducendo il bicarbonato e probabilmente andrà bene

Aggiornerò

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma ora riprovo [...]

Sul fatto che i gusti son gusti hai perfettamente ragione. Anzi, è meritorio che tu voglia dare una seconda chance a una ricetta che non ti ha convinta. Comunque andrà a finire, mi sembra un bell'atteggiamento. Brava!

Per gli aggiustamenti, come ti dicevo, forse basta poco per "raddrizzare" il tiro:

- meno bicarbonato (o anche niente, se proprio ti dà fastidio, magari hai il palato più sensibile del mio e rischia che lo senti anche se fosse pochissimo);

- un po' di liquido in più, sempre in base a quanto ne assorbono i tuoi ingredienti;

- piastra rovente (ma questo lo avevi già fatto, probabilmente).

Attendo notizie sul secondo "esperimento"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×